Come si diffonde il Covid? Simulazione 3D mostra i movimenti del virus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00
0
429

Uno studio mostra come un colpo di tosse di un individuo malato di Sars Cov 2 può contagiare i presenti in una stanza.

tosse virus
fonte: adobe stock

Unimamme, in questi mesi ci siamo abituati a termini come droplet, all’uso delle mascherine, dei guanti, del gel iginiezzante, ecc…

Diffusione del virus in un ambiente chiuso

Inoltre è legittimo voler sapere qualcosa in più sui rischi di contagio nella vita concreta, come la sala d’attesa di un ambulatorio medico.

LEGGI ANCHE: LE SCUOLE NON VEICOLANO IL CONTAGIO, LO DICE UNO STUDIO SU NATURE

L’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù ha svolto una riproduzione in 3D in cui:

  • viene riprodotto il movimento delle particelle biologiche nell’ambiente
  • l’impatto dei sistemi di aerazione sulla dispersione

LEGGI ANCHE: PROTEGGERE GLI OCCHI DAL CONTAGIO è FONDAMENTALE

Questa ricerca è stata svolta con lo spinoff universitario Ergon Research e la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), l’indagine riguardava la diffusione del virus Sars Cov-2 negli ambienti chiusi, tenendo conto del trattamento dell’aria.

Alla realizzazione del filmato 3D hanno partecipato anche gli specialisti del reparto diagnostica per immagini e  Direzione Sanitaria del Bambino Gesù, in collaborazione con gli ingegneri di Ergon Research e la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) per la supervisione tecnico-scientifica.

LEGGI ANCHE: MASCHERINE A SCUOLA: L’ESPERTA RISPONDE A GENITORI DUBBIOSI

Questo studio ha quindi utilizzato validi strumenti simulazione “fluidodinamica computazionale” per ricreare una vera sala d’aspetto di un ospedale pediatrico:

  • con 6 bambini
  • 6 adulti
  • tutti senza mascherina
  • si è tracciato il comportamento delle goccioline e dell’aerosol nei 30 secondi dal colpo di tosse in 3 diversi scenari

I tre diversi scenari della sala dell’ambulatorio pediatrico sono:

  • il sistema di aerazione spento
  • sistema di aerazione a velocità standard
  • sistema di aerazione a velocità doppia

Si è quindi valutato quanta aria contaminata avrebbe respirato ogni persona presente nella stanza.

Come parametri sono stati considerati:

  • velocità
  • accellerazione
  • quantità
  • diametro droplet
  • turbolenza
  • moti connettivi generati dall’aria condizionata

Si è ottenuta una simulazione fisicamente corretta. Il dottor Luca Borro, specialista 3D del Bambin Gesù, ha commentato: “la nostra simulazione in 3D si basa su parametri fisici reali, come la velocità dell’aria che esce da un colpo di tosse, la temperatura della stanza e la dimensione delle goccioline di saliva. Non è una semplice animazione”.

tosse contagio
fonte: adobe stock

Lo specialista ha aggiunto che che i parametri e gli algoritmo complessi di fluidodinamica hanno favorito una miglior comprensione e un miglior utilizzo della ventilazione meccanica per migliorare la qualutà degli ambienti indoor.

Unimamme, cosa ne pensate di questo studio pubblicato su Enviromental Research?Noi vi lasciamo con uno studio sulla diffusione del video a casa, a scuola e al ristorante.

 

 

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.