Come pulire a fondo la cucina: i metodi fai da te non inquinanti

Pulire a fondo la cucina è una pratica molto particolare e super richiesta. Per voi suggerimenti che potrete seguire per la pulizia della cucina con metodi fai da te, utilizzando prodotti ecologici.

Pulire la cucina con metodi fai da te

La cucina è sicuramente una delle stanze della casa nel quale si trascorre molto tempo ed è il motivo per cui si sporca di più. Sopratutto, considerando l’unto di quando cuciniamo, a causa dei cibi.

La pulizia a fondo della cucina, è un modo per igienizzarla e renderla sempre splendente.

Ci sono molti prodotti ecologici efficaci che permettono di pulire senza inquinare e rovinare le superfici.

Siete curiose di scoprire cosa e come utilizzarlo? Ecco che ve lo sveliamo.

Pulire a fondo la cucina con metodi fai da te

Pulire la cucina (1)

La pulizia della cucina è una pratica abituale a cui ci si deve dedicare con regolarità. Soprattutto prestando attenzione a fornelli e parti di acciaio.

Bisogna dedicarsi in modo approfondito anche ad ante, sportelli e ripiani.

I rimedi sono semplici, come aceto, limone, bicarbonato. Vediamoli insieme

Aceto per pulire e disinfettare superfici in legno e in acciaio della cucina

La soluzione ideale per disinfettare e pulire le superfici, che siano in legno, lamino o laccata è l’aceto bianco. Le dosi da seguire sono le seguenti:

  • Mezzo litro di acqua calda
  • 5 gocce di detersivo per i piatti
  • 1 bicchiere di aceto bianco

Mescolate tutto pere bene e immergete all’interno della soluzione un panno di micro-fibra, strizzatelo e passatelo su tutte le superfici in legno come ante e sportelli.

Per le superfici in acciaio utilizzate acqua e aceto, con anzione anti-calcare: inumidite un panno e passatelo su lavello piano cottura, rubinetti e cappa.

Dopo averlo passato con superfici, sciacquate con acqua fredda e con un panno morbido.


GUARDA ANCHE:COME PULIRE IL FRIGORIFERO SENZA SFORZI: 5 TRUCCHI NATURALI PER AVERLO SPLENDENTE 


Per le superfici in granito appoggiate sulla superficie da pulire dei fogli di carta assorbente imbevuti di aceto e lasciate agire tutta la notte. Il giorno successivo preparate una soluzione con bicarbonato e aceto, strofinate leggermente e sciacquate.

Poi con olio d’oliva mischiato con  un po’ di succo a limone potete passarlo sulle superfici che diventeranno splendenti.

Bicarbonato per sgrassare i piani di lavoro e pulire il marmo

Se volete sgrassare e pulire a fondi i piani di lavoro della cucina, potete utilizzare il bicarbonato creando una soluzione efficace.

Per prepararla utilizzate:

  • mezzo litro di acqua
  • mezzo cucchiaio di bicarbonato
  • due cucchiai di alcol e un po di sapone di Marsiglia liquido.

Mescolate gli ingredienti e pulite le superfici da sgrassare, così da eliminare i cattivi odori e l’unto. Dovete strofinare per bene con un panno e poi sciacquare abbondantemente.

Per le superfici in marmo potete creare una soluzione composta da:

  • 2 cucchiai di Sapone di Marsiglia
  • 1 cucchiaio di bicarbonato
  • 200 ml di acqua

Mescolate bene fino ad ottenere una miscela dalla consistenza cremosa. Con un panno in micro-fibra umido, passate la crema sul marmo e poi risciacquate.

Limone per pulire e igienizzare taglieri e stoviglie

Di fondamentale importanza è la pulizia di taglieri e gli utensili in legno, che devono essere sempre puliti per essere pronti per ogni utilizzo.

Il limone è un ottimo igienizzante, per tutte le stoviglie in genere. Il succo di limone sul tagliere, ad esempio, libererà da batteri e cattivi odori. Ideale quindi, dopo avere tagliato pesce e carne, applicarlo sugli utensili, lasciare agire per alcuni minuti e risciacquare abbondantemente con l’acqua.


GUARDA ANCHE: COME PULIRE I VETRI SENZA ALONI: 5 TRUCCHI PER AVERLI SPLENDENTI 


Come pulire le ante di legno

Per la pulizia delle ante in legno da cucina i prodotti da recuperare sono:

– Alcol etilico
– Bicarbonato
– Aceto
– Sapone neutro (possibilmente di Marsiglia)
– Detersivo oleoso per legno
– Olio di lino o di noce (per mobili scuri)
– Succo di limone
– Farina di granturco
– Olio d’oliva
– Panni in micro-fibra per pulire e asciugare
– Panno in lana per lucidare

Per una pulizia quotidiana superficiale è sufficiente  un panno in micro-fibra inumidito e strizzato, da passare sui pensili, asciugando poi molto bene tutto.

Puoi utilizzare un comune detergente per il legno o uno spray per lucidare, o del sapone di Marsiglia molto diluito.

Anche se la coppia limone o aceto in acqua, igienizza benissimo.

Per togliere incrostazioni resistenti si può utilizzare un po’ di bicarbonato di sodio da mettere sul panno, e formare una crema con poca acqua.

Sul legno laccato si può utilizzare semplice alcol etilico.

Per mantenere i pensili lucidi si può stendere sui pannelli un velo di olio di lino o di noce (se i mobili sono scuri) o una miscela di limone e olio d’oliva, da lasciar asciugare per 2 o 3 ore. Passato il tempo occorre strofinare energicamente con un panno di lana.

Come pulire il secchio dell’umido

Pulire la cucina

Il secchio dell’immondizia è un altro componente della cucina che va sempre pulito, dato che buttiamo gli scarti di cibo lì. Per farlo con un detersivo naturale possiamo creare una miscela fatta da:

1- cucchiaio di bicarbonato,

3 gocce di detersivo per piatti

e un cucchiaino di aceto bianco

Pulite il secchio con una spugna e poi sciacquate abbondantemente, poi asciugate per bene prima di riporre il sacchetto della spazzatura.

E voi unimamme che ne pensate di questi metodi? Già li usate?