Alimentazione in gravidanza: quali cibi possono mangiare le mamme e quali no?

Quali alimenti mangiare e quali evitare in gravidanza.

Donna incinta che taglia le verdure in cucina

Quando si è incinte, si scopre che molte cose, che nella vita da non gravida ci piacciono moltissimo e ci fanno pure felici, sono in realtà il male assoluto. Detto così suona un po’ male, ma è altrettanto vero che, a causa della toxoplasmosi, molti alimenti sono se non proibiti, poco consigliati.

dieta in gravidanza

Certo, se per una volta, magari per sbaglio, si mangia una fetta di salame, non bisogna subito correre al pronto soccorso. Il rischio di contrarre la toxo è molto basso, visto i controlli che ci sono nella produzione degli alimenti, per cui non ci si deve far prendere dal panico.

Per avere un’idea di ciò che è permesso e ciò che invece non è consigliato in gravidanza, vi forniamo uno schema diviso per tipologie di cibo . Devo dire che per me è molto utile: essendo in gravidanza, lo utilizzo quando ho un dubbio, di solito relativo ai formaggi (non mi ricordo mai quali si possono mangiare e quali no).

CIBI SI (wow!)

  • Formaggi duri:  parmigiano, asiago, emmenthal, pecorino, provolone, tome;
  • Formaggi morbidi: crescenza, feta (di latte pastorizzato), scamorza, caciotta, ricotta, robiola, mozzarella (di latte pastorizzato), caprino, fiocchi di latte, formaggini, formaggio spalmabile;
  • Latte:  pastorizzato, UHT di mucca, capra e pecora.
  • Gelati:  gelati confezionati, ghiaccioli, sorbetti che non contengono uova o latte.
  • Uova: uova sode appena cucinate e non fredde; omelette ben cotte, uova strapazzate, in camicia e fritte ben cotte, uova e albumi pastorizzati e liofilizzati.
  • Salse: maionese confezionata, salse a base di uova pastorizzate e liofilizzate.
  • Carne: carni ben cotte, carni conservate cotte, prosciutto cotto e mortadella, pollame e cacciagione ben cotti.
  • Pesce:  pesci ben cotti e ancora caldi, tonno (non più di 3  volte a settimana per evitare l’accumulo di mercurio), salmone affumicato, molluschi ben cotti e appena cucinati.
  • Frutta e verdura: di tutti i tipi, ma meglio senza buccia, oppure lavata con apposite soluzioni disinfettanti (tipo Amuchina per intenderci)
  • Insalate:  si, se lavata accuratamente con le soluzioni disinfettanti (anche quella già lavata confezionata).
  • Piatti pronti:  torte salate scaldate ad alte temperature, alimenti che contengono uova,  pollo, pesce e frutti di mare, cotti ad alte temperature.

CIBI NO (quindi da richiedere non appena avete partorito)

  • Formaggi a crosta bianca:  brie, brie blu, camembert, taleggio (a meno che non facciano parte di piatti cotti);
  • Formaggi ‘blu’:  gorgonzola, roquefort (a meno che non facciano parte di piatti cotti); formaggi non pastorizzati: fontina.
  • Latte non pastorizzato:  crudo, non trattato, di tutte le varietà.
  • Gelati: gelati i sorbetti fatti in casa che contengono uova o latte, gelati artigianali (creme) che contengono uova, gelati frullati come quelli venduti nei chioschi ambulanti.
  • Uova crude: uova crude e cibi che ne contengono, come salse fatte in casa, bernese, maionese fresca, mousse o dolci senza cottura, uova a la coque e omelette poco cotte.
  • Dolci a base di uova: tiramisù, zabaione, creme brulèe e meringhe.
  • Carne:  carne cruda o poco cotta, tartara, carpaccio, carni affumicate o conservate senza cottura, come pancetta, prosciutto crudo, salame, speck, bresaola.
  • Rosticceria: carni già cotte di rosticceria, carne fredda venduta nel banco rosticceria.
  • Pesce:  pesce crudo o poco cotto, carpaccio, sushi e sashimi, squalo, pesce aguglia e pesce spada, pesce affumicato non cotto, integratori a base di olio di pesce, molluschi crudi, ostriche.
  • Piatti pronti: cibi non riscaldati, torte salate e quiche fredde, specialità fredde di rosticceria a base di carne, pesce uova o salumi, patè.

Lo so che può essere “pesante”, ma se volete stare tranquille, stampatene una copia

Unimamme e voi siete state attente a cosa mangiavate in gravidanza?

Noi vi lasciamo con un approfondimento sulla dieta in gravidanza.

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta