Chanel Totti: dopo la foto di Gente su Telegram messaggi inquietanti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:25

Chanel Totti, la figlia 13enne di Francesco Totti e Ilary Blasi deve affrontare le conseguenze della pubblicazione della foto su Gente.

Chanel Totti su Telegram
credits: francescototti – Instagram

Unimamme, la storia che vi stiamo per raccontare ci aiuta a capire, ancora di più, quali possono essere le conseguenze di una scarsa attenzione alla tutela dei minori sui media.  La vicenda affonda le sue radici nella pubblicazione in prima pagina della foto con lato b in evidenza di Chanel Totti.

Chanel Totti: nuovo problema riguardo la sua immagine

Chanel Totti, come saprete, è la figlia 13enne di Francesco Totti e Ilary Blasi, entrambi personaggi pubblici di grande visibilità. Quest’estate Gente ha messo in copertina la ragazzina, oscurandone il viso ma con il lato b in evidenza.

LEGGI ANCHE: TOTTI E ILARY NON VOLEVANO REPLICARE ALLA FOTO DI CHANEL: IL RETROSCENA

Subito è scoppiata la polemica, a cui hanno partecipato anche i genitori di Chanel, che hanno difeso la figlia sui social. Ora però la vicenda, dopo la segnalazione all’ODG, ha avuto un seguito. Su Telegram è comparso un nuovo gruppo con questo titolo: Condividere foto porche di ragazze, oltre a quelle del fisico mozzafiato della mamma Ilary e della figlia Chanel”.

LEGGI ANCHE: PEDOFILIA E REVENGE PORN SU TELEGRAM: MIGLIAIA LE PERSONE COINVOLTE, TRE DENUNCIATI FOTO

Come forse avrete intuito all’interno si tratta di un gruppo dove gli appartenenti commentavano in modo molto esplicito e volgare il fisico di questa ragazzina: “io me la farei” è uno di questi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Eccolo, è arrivato. Un gruppo di Revenge Porn in Telegram, creato appositamente per condividere immagini di Chanel, la figlia 13enne di Francesco Totti e di Ilary Blasi. All’interno di questo gruppo, secondo le testimonianza, circolano le immagini anche della madre Ilary e altre foto di carattere pornografico e pedopornografico di altre ragazze, associate ai relativi profili Instagram delle vittime. Nel gruppo ci sono diverse foto che, a detta degli utenti, ritrarrebbero Chanel Totti, nonostante presumibilmente non sia veramente lei. Ecco cosa porta la sessualizzazione delle bambine e giovani ragazzine. Ecco cosa porta sbattere in prima pagina il lato B di una 13enne. Monica Mosca, la direttrice della rivista Gente, che ha messo in copertina il fondoschiena della ragazzina, si giustifica dicendo: “Come direttore ho sempre inteso valorizzare le donne e più in generale sostenere i valori della famiglia”. E come si valorizzano le donne? Mostrandone al mondo il loro corpo? Magari sottolineando quando hanno dei “difetti” rispetto ai canoni estetici imposti, oppure facendo notare quanto siano “sexy” se quei canoni li rispettano? E i valori della famiglia quali sono? Mettere in risalto il fondoschiena di una ragazzina e dire che assomiglia a quello della madre? E intanto si aizzano le fantasie perverse dei pedofili? Perché questo è il problema. In Italia ogni anno colpiscono 21 mila pedofili, un caso ogni 400 minori, un caso ogni quattro scuole, un caso ogni 500 famiglie. E questi sono solo i casi più gravi e che vengono denunciati e incriminati. Non si contano gli innumerevoli casi di molestie che i bambini subiscono e nemmeno lo dicono ai genitori. Ma che la vita gliela rovinano comunque. E gli 80.000 pedofili che vanno a fare turismo sessuale minorile nei Paesi poveri, abominevole primato tutto italiano, che non saranno mai incriminati. E i 33.086 siti internet segnalati, di cui 2.182 nelle black list, e tutto l’adescamento online che ne deriva. E i centinaia di migliaia di iscritti nei gruppi Telegram di Revenge Porn, che scambiamo materiale pedopornografico, magari dei propri figli. Ecco a chi è stata data in pasto questa ragazzina. ⬇️CONTINUA NEI COMMENTI⬇️

Un post condiviso da Ihaveavoice (@ihaveavoice_official) in data:

A denunciare l’accaduto è la pagine Instagram I have a voice.

LEGGI ANCHE: SELVAGGIA LUCARELLI SU CHANEL TOTTI: CON AURORA RAMAZZOTTI NESSUNO FIATO

All’interno di questo gruppo, secondo le testimonianza, circolano le immagini anche della madre Ilary e altre foto di carattere pornografico e pedopornografico di altre ragazze, associate ai relativi profili Instagram delle vittime” si legge nel messaggio. Nel gruppo ci sono anche diverse foto attribuite a Chanel anche se non sono veramente sue.

Chanel Totti foto Gente e Telegram
credits: francescototti – Instagram

“Ecco cosa porta la sessualizzazione delle bambine e giovani ragazzine. Ecco cosa porta sbattere in prima pagina il lato B di una 13enne” scrivono su I have a voice.

Anche il Moige aveva alzato la voce sul comportamento di Gente, ritenendolo inaccettabile e perverso. Successivamente il gruppo Telegram è scomparso, forse per evitare eventuali rappresaglie legali. I genitori di Chanel, comunque, sono stati avvisati. La community ha precisato che in Italia, ogni anno in Italia, agiscono 21 mila pedofili, mentre 80 mila persone vanno a fare turismo sessuale nei paesi poveri.

Chanel Totti gruppo Telegram
credits: francescototti – Instagram

Unimamme, voi avete seguito questa vicenda? Cosa ne pensate?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.