Alimento surgelato: l’allerta alimentare dal Ministero è urgente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:56
0
83

E’ stato necessario effettuare il richiamo un lotto di un alimento surgelato. L’allerta alimentare è urgente, ecco di cosa si tratta.

Richiamo alimentare
Foto da Adobe

Il Ministero per la Salute pubblica sul loro sito la lista dei richiami alimentari da parte dei Produttori che, purtroppo, si accorgono che un loro prodotto non è conforme e quindi scatta il richiamo.

LEGGI ANCHE: BARRETTE ENERGETICHE CONTAMINATE: URGENTE IL RICHIAMO DAL MERCATO

I prodotti che vengono richiamati sono di vario tipo, quelli che subiscono più richiami sono sopratutto i formaggi, ma anche il pesce. Questo ultimo richiamo riguarda proprio un lotto di un prodotto ittico, ecco di cosa si tratta.

Alimento surgelato: il lotto e la marca del pesce spada

richiamo
Foto da Ministero

In data 16 ottobre, sul sito del Ministero della Salute è stato pubblicato il richiamo che riguarda un lotto di un pesce spada surgelato che non deve assolutamente essere consumato. L’indicazione è chiara ed è accompagnata dai dettagli del prodotto per poterlo rintracciare e smaltire.

Nel supermercati il prodotto non è più presente, ma bisogna controllare se lo si ha in casa.

I dati del prodotto incriminato:

  • Denominazione di vendita:Tranci di pesce spada ESP 1/2 surgelato
  • Marchio del prodotto: Acquario
  • Nome o ragione sociale dell’OSA: Acquario Snc dall’azienda Brasmar Comercio de Produtos Alimentares SA,
  • Lotto di produzione: 2007297598

LEGGI ANCHE: RICHIAMO FARINA PER RISCHIO CHIMICO | MARCA E LOTTO | FOTO

  • Nome del produttore: Brasmar Comercio de Produtos Alimentares SA
  • Marchio d’identificazione dello stabilimento:  PT 1356PP CE
  • Sede dello stabilimento: Avenida Ferreira de Castro 73 a Guidões, Trofa, in Portogallo
  • Data di scadenza o termine minimo di conservazione: 27/01/2020
  • Descrizione peso/volume di vendita: cartoni da 6.4 kg

LEGGI ANCHE: ALLERTA ALIMENTARE: SALSA DI SOIA RICHIAMATA URGENTEMENTE DAL MERCATO

Il motivo del richiamo è la presenza di mercurio al di sopra dei limiti di legge rilevata durante le analisi in autocontrollo. Per questo motivo si invitano i consumatori a non mangiare il prodotto ed a smaltirlo. In alternativa lo si può riportare anche al punto vendita per avere un rimborso o la sostituzione dell’articolo con un altro. In questo ultimo caso non c’è bisogno di esibire lo scontrino fiscale.

Allerta alimentare
Foto da Ministero

Voi unimamme consumate questo prodotto? Cosa ne pensate dei vari richiami?

Per restare sempre aggiornato su richiami, notizie e tanto altro continua a seguirci su GoogleNews.