Chrissy Teigen dopo l’aborto apre il suo cuore e quello di John Legend

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:27
0
295

Chrissy Teigen, la moglie di John Legend, è tornata a parlare del suo aborto raccontando in dettaglio cosa è successo. Il suo potente messaggio è assolutamente da condividere.

Foto da Instagram di @chrissyteigen

Ad inizio di ottobre una notizia terribile ha sconvolto la vita di John Legend e di sua moglie Chrissy Teigen. I due erano felici ed emozionati per l’arrivo del loro terzo figlio, ma, purtroppo, a causa di un’emorragia Chrissy ha perso il bambino.

LEGGI ANCHE—> JOHN LEGEND A CHRISSY TEIGEN DOPO L’ABORTO SPONTANEO: “MERAVIGLIATO DELLA TUA FORZA”

Sono stati dei momenti e dei giorni duri e pesanti da sopportare e lei ha voluto condividere sui social tutto il suo dolore e la sua disperazione, pubblicando una serie di foto molto private.

Chrissy Teigen, moglie di John Legend racconta l’aborto: “non voglio non ricordare Jack”

chrissy teigen e john legend
@facebook

La moglie di John Legend ha da poco pubblicato un lungo post nel quale torna a parlare del dolore che ha provate, ma che sta ancora provando, dopo la perdita del suo bambino. Ha iniziato raccontando dell’affetto che ha ricevuto dopo l’aborto sia da parte delle persone che conosce, ma anche da chi non conosce di persona. Molti dei quali hanno condiviso incredibili esperienze personali, alcuni hanno condiviso libri ed anche poesie.

Mi sembra giusto iniziare con un grazie” scrive la Teigen.

LEGGI ANCHE—> JOHN LEGEND HA PERSO IL FIGLIO: TUTTO IL DOLORE IN UN MESSAGGIO DEVASTANTE

Ha quindi raccontato quello che è successo quel tragico giorno, le paure, le speranze che i sono interrotte per salvare Jack ed il momento del parto.

Uno dei momenti salienti di quella mattina (o sera? Non ne ho idea) è stato che mentre attraversavo le sale del travaglio e del parto John diceva “Cosa, c’è una cazzo di festa in corso qui ??” Eravamo lì, appena portati su un nuovo piano, con una sottile coperta che mi nascondeva, e consapevole che stavo per partorire quello che doveva essere il 5 ° membro della nostra bellissima famiglia, un figlio, ma solo per salutarlo pochi istanti dopo. La gente applaudiva e rideva proprio fuori dalla nostra porta, comprensibilmente per una nuova vita nata e celebrata. Ti chiedi cosa stanno pensando gli altri tranne te.
A quel punto avevo già fatto i conti con quello che sarebbe successo: avrei avuto un’epidurale e sarei stata indotta per partorire il nostro bambino di 20 settimane, un bambino che non sarebbe mai sopravvissuto nella mia pancia (scusate questi termini semplici). In precedenza ero stata a riposo a letto per più di un mese, cercando solo di tenere il piccolo per 28 settimane, una zona “più sicura” per il feto. I miei medici mi avevano diagnosticato un distacco parziale della placenta. Avevo sempre avuto problemi di placenta. Ho dovuto partorire Miles un mese prima perché il suo stomaco non riceveva abbastanza nutrimento dalla mia placenta. Ma questa è stata il mio primo distacco di placenta. Lo abbiamo monitorato molto attentamente, sperando che le cose si sistemassero e si fermassero. A letto, sanguinavo e sanguinavo, leggermente ma tutto il giorno, cambiando i miei pannolini ogni due ore quando il sangue diventava scomodo per riposare.”

Foto da Instagram di @chrissyteigen

Ricorda poi il momento in cui il medico le ha detto che purtroppo non c’era più speranza.

Venivo ancora visitata dai dottori a casa, mentre trasformavo silenziosamente le loro parole negative in positive, e pensando che tutto potesse ancora andare bene. Alla fine, ho passato una brutta notte a letto, dopo un’ecografia non eccezionale, in cui sanguinavo un po’ più della mia quantità anormale. Il mio sanguinamento stava diventando sempre più pesante. Il fluido intorno a Jack era diventato molto basso: riusciva a malapena a fluttuare. In alcuni punti, giuro che era così basso che potevo sdraiarmi sulla schiena e sentire le sue braccia e le sue gambe dall’esterno della mia pancia
Dopo un paio di notti in ospedale, il mio medico mi ha detto esattamente quello che sapevo sarebbe arrivato: era ora di salutarlo. Semplicemente non sarebbe sopravvissuto a questo, e se fossi andata ancora avanti, neanch’io sarei sopravvissuta. Avevamo provato sacche e sacche di trasfusioni di sangue, ognuna passata attraverso di me come se non avessimo fatto nulla. Una sera tardi, mi è stato detto che sarebbe stato il momento di lasciarlo andare la mattina. All’inizio ho pianto un po’, poi sono entrata in convulsioni in piena regola di muco e lacrime, il mio respiro non era in grado di raggiungere la mia tristezza incredibilmente profonda. Anche ora mentre scrivo, posso sentire di nuovo il dolore. Mi è stato messo l’ossigeno su naso e bocca, e quella è stata la prima immagine che hai visto. Tristezza totale e completa.”

Un’esperienza drammatica che mai dimenticherà, parole forti di una donna molto coraggiosa che ha dovuto salutare il figlio appena nato per sempre.

Ha poi spiegato il perché delle foto e chi le ha scattate. Foto forti, ma delle quali, anche se dolorose, lei ne aveva bisogno:  “Avevo chiesto a mia madre e John di fare delle foto, non importa quanto fosse scomodo. Ho spiegato a un John molto titubante che ne avevo bisogno e che NON volevo nemmeno doverle chiedere. Che doveva solo farlo. Lo ha odiato. Posso dirlo. Non aveva senso per lui in quel momento. Ma io sapevo che avevo bisogno di ricordare quel momento per sempre, nello stesso modo in cui avevo bisogno di ricordarmi che ci baciamo alla fine del corridoio, nello stesso modo in cui avevo bisogno di ricordare le nostre lacrime di gioia dopo Luna e Miles. E sapevo assolutamente di dover condividere questa storia.”

Ha voluto quindi rispondere a chi l’ha criticata per aver condiviso la loro esperienza di perdita con le immagini:

Non posso esprimere quanto poco mi importi che abbiate odiato le foto. Quanto poco mi importa che sia qualcosa che non avreste fatto. Io le ho vissute, ho scelto di farle e, più di ogni altra cosa, queste foto non sono per tutti, ma per le persone che l’hanno vissuto o che sono abbastanza curiose da chiedersi come sia una cosa del genere. Queste foto sono solo per le persone che ne hanno bisogno. I pensieri degli altri non mi interessano.”

Il racconto continua poi con i dettagli del parto e su dove è ora il piccolo Jack.

Non sono sicura che dimenticherò mai l’esperienza. Avevo sempre riso di quanto amassi l’epidurale … non tanto questo. Sono rimasta sdraiata lì per ore, aspettando che mi dicessero che era ora di spingere. Ovviamente non ho mai dovuto dilatarmi molto, era ancora molto piccolo. Ero sdraiata su un fianco, e cambiavo lato ogni ora o giù di lì, ogni volta che l’infermiera me diceva. Ricordo di essermi sdraiata sul lato destro, guardando di fronte a John, quando mi è stato detto di fare il grande passo. Ho aperto le gambe e ho iniziato a voltarmi verso John e proprio così, lui stava già uscendo. I dottori hanno urlato per un po ‘e … non so cosa dire, nemmeno adesso. Lui era fuori. Mia madre, John e io lo abbiamo tenuto in braccio e gli abbiamo detto addio in privato, la mamma singhiozzava attraverso una preghiera thailandese. Ho chiesto alle infermiere di mostrarmi le sue mani e i suoi piedi e li ho baciati ancora e ancora e ancora. Non ho idea di quando mi sono fermata. Potevano essere 10 minuti o un’ora.
Non so da quanto tempo stava aspettando di essere partorito. Probabilmente mi perseguiterà sempre. Solo scrivendolo mi vengono le lacrime agli occhi e al naso. Tutto quello che so ora è che le sue ceneri sono in una piccola scatola, in attesa di essere sparse nel terreno di un albero nella nostra nuova casa, quella nella quale abbiamo immaginato la sua stanza.”

Un dolore immenso che segna per sempre, e che ancora adesso la porta a pensare di essere incinta e la fa piangere durante la giornata.

La gente dice che un’esperienza come questa crea un buco nel tuo cuore. Certamente è stato fatto un buco, ma è stato riempito dall’amore per qualcosa che amavo così tanto. Non sembra vuoto, questo spazio. Sembra pieno.
Forse * troppo * pieno, in realtà. Mi ritrovo a piangere a caso, pensando a quanto sono felice di avere due bambini piccoli follemente meravigliosi che riempiono questa casa d’amore. Li soffoco d’amore quando loro mi chiamano “mamma”. Ma non mi interessa.
Piango anche quando mi arrabbio con me stessa per essere troppo felice. A volte leggo cose che mi fanno ridere a crepapelle, o vedo un post su instagram degno di un like (sì, me ne sono andato ma ho continuato a guardare!). E dimentico sempre che non sono più incinta. Mi tengo la pancia quando vado in giro. Provo paura per un momento quando i bambini saltano sulla mia pancia inesistente. La consapevolezza dopo questi momenti mi rende sempre triste.”

Dopo i ringraziamenti e il racconto, la Teigen scrive delle scuse:

Mi dispiace che il nostro dolore sia divenuto così pubblico perché ho reso la gioia così pubblica. Ero entusiasta di condividere le nostre notizie con il mondo. Le storie che ci hanno portato a questo erano state raccontate per tutti. È difficile guardarle adesso. Ero così sicura che sarebbe andato tutto bene. Sto male per avervi fatto stare tutti male. Lo sarò sempre.”

E lancia un appello:

La parte peggiore è sapere che ci sono così tante donne che non avranno questi momenti tranquilli di gioia grazie a degli estranei. Vi prego di condividere le vostre storie e di essere gentili con coloro che aprono il loro cuore. Siate gentili in generale, poiché alcuni non li apriranno affatto.
Questi sconosciuti mi dicono sempre che la vita andrà avanti, in modo diverso. Mi dicono di non permettere a nessuno di dirmi che questo era “il piano di Dio”, o che “ne avremo un altro presto”. Grazie a voi, li bloccherò per sempre.
Ho paura che le persone si sentano a disagio nel condividere la loro gioia con me. Al momento sono circondata dalle pance di molte amiche intime e posso giurarvi che niente mi rende più felice. Conosco la vostra gioia e vi voglio bene.”

LEGGI ANCHE: LA MOGLIE DI JOHN LEGEND SVELA IL MIRACOLO DIETRO LA TERZA GRAVIDANZA

 

Visualizza questo post su Instagram

 

We are shocked and in the kind of deep pain you only hear about, the kind of pain we’ve never felt before. We were never able to stop the bleeding and give our baby the fluids he needed, despite bags and bags of blood transfusions. It just wasn’t enough. . . We never decide on our babies’ names until the last possible moment after they’re born, just before we leave the hospital. But we, for some reason, had started to call this little guy in my belly Jack. So he will always be Jack to us. Jack worked so hard to be a part of our little family, and he will be, forever. . . To our Jack – I’m so sorry that the first few moments of your life were met with so many complications, that we couldn’t give you the home you needed to survive. We will always love you. . . Thank you to everyone who has been sending us positive energy, thoughts and prayers. We feel all of your love and truly appreciate you. . . We are so grateful for the life we have, for our wonderful babies Luna and Miles, for all the amazing things we’ve been able to experience. But everyday can’t be full of sunshine. On this darkest of days, we will grieve, we will cry our eyes out. But we will hug and love each other harder and get through it.

Un post condiviso da chrissy teigen (@chrissyteigen) in data:

Conclude spiegando che ha deciso scrivere questo lungo messaggio perché aveva bisogno “di dire qualcosa prima di poter andare avanti e tornare alla vita, quindi vi ringrazio davvero per avermi permesso di farlo. Jack sarà sempre amato, e raccontato ai nostri figli come presente nel vento, negli alberi e nelle farfalle che vedono. Grazie mille a ogni singola persona che ci ha avuto nei suoi pensieri o che è arrivata a inviarci il suo amore e le sue storie. Siamo così incredibilmente fortunati

LEGGI ANCHE —> LE FRASI DA NON DIRE A DEI GENITORI IN LUTTO

Bellissime parole anche quelle usate su Instagram per ringraziare i dottori che “hanno cercato così duramente di trasformare la nostra terza vita in realtà“, ma soprattutto rivolte al marito:

Grazie John per essere il mio migliore amico e amore della mia vita. Molte persone pensano alla donna in momenti come questo, ma non dimenticherò mai che anche John ha sofferto in questi ultimi mesi, pur facendo tutto il possibile per prendersi cura di me. Sono circondata, in una coperta umana di terapia d’amore. Sono grata e guarita e mi sento così incredibilmente fortunata a testimoniare un tale amore“.

Cosa aggiungere unimamme, un bellissimo e potente messaggio che ci aiuta a comprendere meglio cosa si prova quando si perde un figlio durante la gravidanza, un momento vissuto da questa coppia e da migliaia di altre. Grazie quindi a Chrissy Teigen per aver aperto il suo cuore al mondo. Cosa ne pensate delle sue parole?

Noi vi lasciamo con un articolo che parla di aborto e papà: L’ABORTO SPONTANEO ATTRAVERSO GLI OCCHI DI UN PAPA’.

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS